sabato 19 agosto 2017

Match Report: PNE vs Reading 1-0


PNE line-up: Maxwell, Fisher, Earl, Pearson, Huntington (c), Davies, Barkhuizen (Robinson, 86), Johnson, Hugill, Harrop (Browne, 72), Maguire (Mavididi, 88). Subs not used: Hudson, Vermijl, Spurr, O’Connor.
Reading line-up: Mannone, Gunter, McShane (c), Moore, Swift (Evans, 25), Barrow, Bacuna, Clement (McCleary, 68), Blackett, Popa, Kelly (Mendes, 34). Subs not used: Jaakkola, Beerens, Ilori, Quinn.
Attendance:  11,174 (374 Reading fans)
Referee: Mr A Madley
Fantastica prestazione e vittoria meritata e preziosissima per il North End che grazie ad un gol di Hugill ha conquistato 3 punti che lo portano a quota 7 punti in classifica dopo 4 giornate.
Ma non è stato solo il gol a decidere il match a favore del PNE, ma la prestazione di tutta la squadra ed alla forza di volontà di ogni singolo giocatore che ha dato il 100% dal primo all'ultimo minuto di gioco, una menzione particolare la merita Josh Earl che oggi ha fatto il suo esordio da professionista, chiamato in causa da Neil per sostituire a sorpresa l'infortunato Cunningham, il Capitano, infatti, ha dovuto subire un'operazione dopo l'infortunio di Derby, rivelatosi più grave del previsto.
Neil ha schierato contro il Reading una formazione giovanissima, l'età media dei 14 giocatori impiegati è di 23 anni, oltre al diciannovenne Earl in campo sono scesi altri ragazzi come Mavididi, suo coetaneo, i 22enni Pearson, Davies, Robinson, Harrop e Browne, i 23enni Fisher e Maguire ed il 24enne Barkhuizen.
Il manager scozzese ha dovuto rinunciare oltre a Cunningham, al quale auguriamo di cuore di poter tornare il prima possibile, anche a Gallagher che aveva subito un colpo alla testa a Pride Park ed ha deciso di schierare una formazione, oltre che giovane, anche molto offensiva mandando in campo tre giocatori d'attacco come Harrop, Barkhuizen e Maguire alle spalle della punta Hugill.
Il modulo scelto da Neil, un 4-2-3-1, è sembrato dare alla squadra la giusta quadratura, certamente è andata molto meglio rispetto alla sfida di Derby quando era stata schierata una difesa a tre.
Un modulo forse spregiudicato e che non verrà sempre utilizzato, specie in trasferta o contro avversari di un certo tipo, che comunque contro i Royals si è rivelato decisivo per conquistare la vittoria attraverso un gioco brillante e d'attacco.
Davanti a Maxwell la difesa a quattro è stata composta da Fisher ed Earl sulle fasce e da Huntington, al quale è stata affidata la fascia da Capitano vista l'assenza di Cunningham, e Davies, preferito a Spurr, schierati centrali.
A centrocampo Johnson e Pearson, importantissimo il suo rientro dopo la squalifica, con, come già detto, Harrop, Barkhuizen e Maguire a supporto dell'unica punta, Hugill.
Solo panchina quindi per Robinson e Browne, il primo non era in effetti sembrato molto brillante a Pride Park mentre il secondo ha "pagato" la scelta di Neil di schierare solo 2 centrocampisti in mezzo al campo.
I ragazzi hanno cominciato la partita mettendo subito in chiaro quali fossero le loro intenzioni e sin dai primi minuti si sono portati in avanti giocando in modo offensivo cercando con determinazione il gol e mantenendo costantemente il possesso della palla.
Già nei primi minuti di gioco il PNE ha creato una prima buona occasione da gol con un'azione nata da un calcio d'angolo battuto da Harrop per il giovane Earl che ha servito con precisione al centro dell'area Davies che è riuscito a concludere verso la porta avversaria mandando però la palla alta sopra la traversa della porta difesa da Mannone.
All'11° Pearson ha conquistato con la sua solita grinta la palla a centrocampo portandola via a Swift, il n.4 è avanzato di corsa verso la porta avversaria portandosi in area di rigore dove, dopo aver evitato gli avversari, si è trovato a tu per tu con Mannone che in uscita è stato bravo a respingere il tiro del centrocampista.
Pearson, appena rientrato dalla squalifica, ha qualche minuto dopo rimediato un cartellino giallo, il nostro n. 4 è un vero combattente che mai si ferma, ma dovrà cercare di trattenersi se non vorrà ritrovarsi squalificato ancora nel corso della stagione.
La squadra ha continuato a giocare, a mantenere il possesso palla ed a costruire azioni d'attacco, al 22° un rinvio di Maxwell ha trovato Barkhuizen libero sulla fascia sinistra e pronto a controllare la palla prima di lanciare con precisione al centro dell'area avversaria Maguire che colpendo la palla di testa ha fatto perfettamente da sponda ad Hugill che è stato pronto a fermarla con il petto per poi appoggiarsela per calciare al volo battendo inesorabilmente l'incolpevole Mannone segnando il suo primo gol in campionato e l'1-0 a favore del PNE.
Una conclusione bellissima da parte di un grande attaccante che il North End deve assolutamente trattenere a Deepdale respingendo qualsiasi offerta, oltre a segnare Hugill è bravissimo a tenere la squadra alta e con la sua potenza è sempre un pericolo per le difese avversarie.
Ma anche l'azione è stata perfetta, Barkhuizen è stato bravissimo nel trovare con precisione Maguire il quale, a sua volta, ha servito magistralmente Hugill.

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che praticano sport e spazio all'aperto



Il gol del vantaggio non ha calmato i ragazzi di Neil che hanno continuato a prevalere sui Royals, incapaci invece di reagire.
Poco prima della fine del primo tempo il Preston è andato nuovamente vicinissimo al gol, ancora una volta è stato Pearson a conquistare la palla a centrocampo passandola poi Harrop che a sua volta ha servito l'accorrente Johnson che ha lanciato in profondità Maguire che è scattato verso Mannone che, come già fatto in precedenza con Pearson, ha parato in modo decisivo la conclusione dell'attaccante irlandese negandogli il gol di quello che sarebbe stato il meritato raddoppio.
Il primo tempo è terminato quindi con il risultato di 1-0, un risultato frutto di una prestazione decisa e coraggiosa da parte di tutta la squadra.
La ripresa è ricominciata nello stesso modo e quindi con i Lilywhites decisi a trovare il gol della tranquillità attraverso un gioco offensivo, pochi minuti dopo l'inizio del secondo tempo Earl ha crossato perfettamente dalla sinistra al centro dell'area dove Barkhuizen ha colpito la palla di testa trovando per l'ennesima volta la pronta risposta di Mannone che l'ha deviata in corner.
I ragazzi hanno insistito e poco dopo hanno creato un'altra clamorosa occasione da gol quando una bellissima azione iniziata da Davies ha fatto arrivare la palla ad Hugill che ha poi servito Maguire il quale in poco spazio e con velocità ha trovato l'accorrente Barkhuizen che ha infine restituito la sfera ad Hugill che da buona posizione ha però calciato di prima intenzione alto sopra la traversa.
Negli ultimi 20 minuti di gioco gli ospiti sono riusciti ad avere una reazione, pur non creando occasioni pericolose in attacco, a parte un colpo di testa parato senza problemi da Maxwell, hanno messo in qualche modo sotto pressione la nostra difesa che ha però resistito bene senza soffrire più di tanto le manovre di gioco del Reading.
Tuttavia sono stati ancora i Whites a sfiorare il gol del 2-0, Maguire ha passato la palla sulla destra ad Hugill che evitando gli avversari ha poi effettuato un ulteriore cross trovando sul palo opposto Barkhuizen che arrivando di gran corsa è riuscito a colpire la palla di prima intenzione senza però riuscire a calibrare con la giusta potenza  e precisione il suo tiro facendo terminare la palla a lato fallendo clamorosamente il raddoppio.
Al 72° Neil ha effettuato la prima sostituzione cercando di coprirsi maggiormente ed inserendo quindi un centrocampista di contenimento come Browne al posto di Harrop, la squadra si è difesa senza affanni proteggendo il prezioso vantaggio.
All'86° ed all'88° sono poi entrati sul campo di gioco Robinson e Mavididi in sostituzione di Barkhuizen e Maguire.
Proprio il giovane attaccante in prestito dall'Arsenal ed al suo esordio in Championship è andato vicinissimo al gol nei minuti di recupero quando è scattato nel mezzo della difesa avversaria ricevendo la palla in profondità da Johnson e l'ha calciata verso la porta avversaria senza riuscire però a superare Mannone che in uscita ha respinto la sua conclusione.
Sarebbe stato per lui un esordio da sogno, ma comunque resterà per lui, cosi come per Earl una giornata da ricordare per sempre, il difensore ha giocato per tutti i 90 minuti dimostrandosi all'altezza, forse il sostituto dell'infortunato Cunningham lo abbiamo già trovato in casa senza dover intervenire sul mercato.

L'immagine può contenere: 1 persona, sta praticando uno sport e spazio all'aperto

E' stata una vittoria fantastica contro un avversario temibile, ma che contro i Lilywhites non ha potuto nulla, i Royals hanno dovuto arrendersi alla superiorità dei ragazzi di Neil scesi in campo con una voglia incredibile, voglia di vincere, voglia di lasciare il segno, alcuni ragazzi come Harrop hanno dato davvero tutto anche forse per tentare di giocarsi le proprie possibilità di guadagnarsi la fiducia del manager.
In queste prima 4 giornate di Championship abbiamo ampiamente dimostrato il nostro valore, peccato per la sfortunata sconfitta di Derby, ma le vittorie contro Wednesday e Reading ed il pareggio esterno in inferiorità numerica ad Elland Road sono state frutto di prestazioni assolutamente degne di una squadra che potrà e dovrà lottare fino alla fine per tentare di raggiungere l'obiettivo di agguantare una posizione playoff.
Il prossimo impegno sarà un'altra sfida difficilissima al Riverside Stadium contro il Middlesbrough, una delle principali candidate alla promozione diretta, ma che attualmente ha un punto in meno rispetto ai Whites, un altro avversario impegnativo, ma contro il quale sapremo lottare alla pari.
Intanto godiamoci questa vittoria, il Club ed il manager dovranno lavorare sul mercato, la squadra si sta comportando benissimo, ma la stagione sarà lunghissima e gli infortuni dimostrano che probabilmente servirà ampliare la rosa, ma soprattutto i ragazzi dovranno continuare a lavorare sodo con la fiducia nelle proprie potenzialità e sotto la guida di Neil che pian piano sta dando a questa squadra la sua idea di calcio.

COYW!

venerdì 18 agosto 2017

Match Preview: PNE vs Reading

Dopo la sconfitta rimediata a Derby martedì scorso il PNE ospiterà a Deepdale nel prossimo turno di campionato il Reading di Stam, squadra che nella scorsa stagione ha sfiorato la promozione in Premier League e che in quella corrente ritenteranno l'impresa.
Sarà una sfida molto difficile per il North End, i Royals hanno perso la prima prima partita di Championship a Loftus Road contro il QPR, pareggiato con il Fulham e vinto nell'ultimo turno, sempre al Madesky, contro l'Aston Villa ritrovandosi quindi a pari punti, 4, con i Lilywhites.
I ragazzi di Neil a Deepdale hanno già sconfitto lo Sheffield Wednesday e la sfida contro il Reading sarà molto difficile, ma non impossibile, i Whites hanno già dimostrato il proprio valore e di certo scenderanno in campo per conquistare i 3 punti senza dover temere l'avversario e cercando di imporre il proprio gioco.

Neil potrà disporre di Ben Pearson, che a Pride Park ha scontato la sua giornata di squalifica, la sua è stata un'assenza importante e forse decisiva, per sostituirlo il manager ha cambiato lo schieramento della squadra mandando in campo un difensore in più, Davies, piuttosto che un altro centrocampista stravolgendo forse troppo la squadra che così bene aveva fatto nelle prime due partite di campionato.
Ci sono ancora dubbi sulla presenza di Gallagher e Cunningham; il primo, pur avendo giocato fino all'ultimo minuto a Derby è stato portato subito dopo il termine in ospedale per tenere monitorata la sua situazione dopo un colpo subìto alla testa, il secondo è stato costretto a lasciare il campo a pochi secondi dalla fine, il manager lo ha definito un "guerriero" e spera di recuperarlo, ma una decisione verrà probabilmente presa all'ultimo momento.
Per il resto, a parte l'infortunato di lungo corso Tom Clarke, Neil avrà a disposizione l'intera squadra, con il rientro di Pearson quasi certamente si tornerà al solito schieramento, staremo a vedere se invece lo scozzese deciderà di schierare per la prima volta due attaccanti affiancando ad Hugill uno tra Maguire ed Harrop.
Stam dovrà fare a meno degli infortunati Kermorgant ed Harriott, nell'ultimo turno contro il Villa non ha schierato a centrocampo McCleary e Bacuna che potrebbero invece tornare titolari a Deepdale.

Abbiamo grande fiducia nella squadra e nel lavoro del manager, siamo certi di vedere una bella reazione dopo la sconfitta di Derby, affronteremo un avversario molto ostico, ma abbiamo tutte le potenzialità per tentare di fare nostra la partita.


COYW!!


martedì 15 agosto 2017

Match Report: Derby County vs PNE 1-0

Prima sconfitta in Championship per il PNE che ha perso di misura contro il Derby che nonostante la pericolosità dimostrata nell'arco di tutta la partita ha alla fine vinto soltanto grazie ad un calcio di rigore concesso dall'arbitro per una spinta molto dubbia all'interno dell'area di rigore su azione di corner.
La squadra ha sofferto forse un pò troppo, Maxwell è stato anche questa sera superbo ed ha compiuto degli interventi importanti che purtroppo non si sono rivelati decisivi per evitare la sconfitta, Neil ha probabilmente impostato una formazione con un atteggiamento difensivo sostituendo lo squalificato Pearson con un difensore come Davies.
Infatti lo schieramento è stato un 3-4-2-1 con Davies, Spurr e Huntington centrali difensivi, mentre Fisher e Cunningham hanno giocato laterali sulla linea di centrocampo con Browne e Johnson centrali, le ali Barkhuizen e Robinson hanno supportato Hugill, unico attaccante. 
Questo schieramento è sembrato frenare un pò la squadra che nel primo tempo non è mai riuscita a rendersi pericolosa e che ha sofferto l'aggressività dei padroni di casa, scesi in campo decisi a vincere dopo i primi risultati non del tutto positivi.
Gli Yellows, oggi la squadra ha infatti indossato la nuova divisa away gialla, hanno rischiato di passare in svantaggio al 19° quando il grande ex, David Nugent, è stato lanciato da un compagno trovandosi a tu per tu con Maxwell che in uscita è stato bravissimo a respingere con una gamba la conclusione dell'attaccante avversario.
Un altro intervento del portiere gallese ha negato ai Rams di passare in vantaggio, il North End non è praticamente mai riuscito a reagire ed il primo tempo è terminato sullo 0-0.
Neil non ha effettuato nessuna sostituzione decidendo di continuare a giocare con una formazione difensiva, al 48° il Derby si è fatto ancora pericoloso con lo stesso Nugent che all'interno dell'area di rigore si è liberato di un paio di avversari liberandosi per la conclusione da distanza ravvicinata, ma il suo tiro è stato bloccato in modo decisivo da un intervento in scivolata di Fisher che ha così impedito che la palla arrivasse in porta.
Al 57° è arrivato l'episodio decisivo che ha cambiato il corso della partita: da un'azione di corner l'arbitro ha ravvisato un fallo all'interno dell'area di rigore per una presunta spinta di Huntington che avrebbe impedito ad un avversario di staccare per colpire la palla di testa, una decisione molto dubbia che ha causato l'ammonizione al nostro difensore ed al nostro Capitano per proteste, oltre, ovviamente il calcio di rigore a favore dei Rams.
Vydra si è incaricato di calciare il penalty mandando la palla nell'angolino basso a destra dove Maxwell non è arrivato davvero per poco e realizzando così il gol del vantaggio.
Neil ha immediatamente effettuato la prima sostituzione mandando in campo Gallagher al posto di Robinson ed al 62° ha poi sostituito Barkhuizen con Horgan cercando di dare più freschezza ed imprevedibilità alla squadra.
I ragazzi non sono però riusciti a rendersi più pericolosi  e così al 70° Neil ha poi cambiato tattica mandando in campo un attaccante come Maguire al posto di un difensore, Spurr, nella speranza di riuscire a cambiare il corso della partita.
L'attaccante irlandese, fresco di convocazione nella Repubblica di Irlanda come i suoi compagni Horgan, Browne e Cunningham, ha dato un pò di vivacità in più agli Yellows.
All'80° proprio una bella iniziativa di Maguire è stata fermata fallosamente dagli avversari e la punizione dal limite è stata calciata da Gallagher che però non ha creato problemi a Carson che ha bloccato facilmente il tiro.
Al 90° Cunnigham è finito a terra dopo essere stato toccato duro, la speranza è ovviamente che per il nostro Capitano non si tratti di niente di grave, nei 5 minuti di recupero concessi dall'arbitro il North End ha cercato il gol con maggiore insistenza e su un'azione di calcio d'angolo la difesa dei Rams ha tremato, ma è riuscita a mantenere il vantaggio fino al termine del match.
E' così arrivata la prima sconfitta, dopo le prime due prestazioni ed i due risultati positivi conquistati non ci aspettavamo questa battuta d'arresto pur conoscendo le difficoltà che questa sfida ci avrebbe riservato, il Derby aveva bisogno della vittoria soprattutto dopo la recente sconfitta interna ed infatti i Rams sono scesi in campo decisi ad ottenere i 3 punti, mentre il PNE non è sembrato abbastanza "cattivo" in fase offensiva senza riuscire mai a creare pericoli verso al difesa di casa.
Peccato per la sconfitta, perdere a Pride Park ci può stare, ma l'impressione è che la si sarebbe potuta evitare forse con un atteggiamento più offensivo in campo, ma anche visto che il Derby, comunque, è riuscito a vincere soltanto grazie ad un dubbio rigore concessogli dall'arbitro.
In ogni caso, però, la difesa ha sofferto troppo, forse è mancata la copertura di Pearson a centrocampo, sicuramente anche questa sera Maxwell è stato fantastico e probabilmente il migliore in campo, ma non è purtroppo bastato.
La prossima partita ci vedrà impegnati a Deepdale contro il Reading, un altro avversario ostico e che oggi ha battuto l'Aston Villa, ma sarà nostro dovere tentare di reagire alla sconfitta di questa sera cercando di conquistare i 3 punti, per farlo, però, dovremo essere più incisivi in attacco, creare maggiori pericoli sulle fasce dove Barkhuizen e Robinson non sono sembrati oggi molto propositivi, là davanti Hugill è sembrato troppo solo, ma certamente queste sono valutazioni che Neil sarà in grado di fare decidendo come agire per risolvere i problemi riscontrati e che hanno causato questa sconfitta contro il Derby.

COYW!



domenica 13 agosto 2017

Match Preview: Derby County vs PNE

Dopo l'ottima prova di Leeds di sabato scorso il North End deve già pensare al prossimo avversario, martedi sera infatti i Lilywhites saranno ospiti del Derby County a Pride Park, una squadra difficile da affrontare e che vorrà certamente ottenere la prima vittoria di questo campionato dopo aver pareggiato a Sunderland e perso in casa nell'ultimo turno contro i Wolves.
Il PNE dovrà aspettarsi quindi un avversario deciso a tutto per vincere, ma anche una squadra in difficoltà che se verrà affrontata con la stessa grinta messa in campo ad Elland Road si potrà tentare di strappare un altro risultato positivo.
Non ci sarà purtroppo a centrocampo lo squalificato Pearson, espulso nel corso del match di Leeds, che potrebbe essere sostituito da Gallagher o, per schierare un giocatore con caratteristiche più simili al n. 4, magari potrebbe essere chiamato in causa Welsh.
Per il resto Neil dovrebbe poter disporre della rosa intera, a parte ovviamente Clarke, vedremo se confermerà la squadra che così bene ha fatto a Leeds, ma che anche nella giornata precedente, con la sola eccezione di Maguire in attacco al posto di Hugill, aveva vinto contro lo Sheffield Wednesday, o se, vista la vicinanza delle due partite, deciderà di cambiare qualche giocatore per lasciare a riposo i titolari più affaticati.
L'ultima volta, però, che Neil ha fatto questa scelta è rimasto probabilmente deluso dalla prestazione di alcuni sostituti vista la sconfitta clamorosa rimediata ad Accrington in League Cup.
Sarà interessante vedere se Neil deciderà di schierare titolare Harrop che nei minuti che ha avuto a disposizione ad Elland Road ha dimostrato di essere in buona forma colpendo anche una traversa giocando in sostituzione di Barkhuizen sulla fascia sinistra.
I Rams sono una squadra ben attrezzata anche se sul mercato non si sono mossi molto riuscendo però ad ingaggiare un centrocampista di ottimo livello come Tom Huddlestone, in attacco è tornato Chris Martin e c'è sempre il grande ex, David Nugent, sempre temibile.
Sarà un'altra sfida difficile, ma come dimostrato come nelle due precedenti partite il North End non deve temere nessuno e dopo aver conquistato risultati positivi contro due avversarie nella corsa playoff come Leeds e Wednesday potrà certamente giocarsela alla pari anche contro il Derby.

Appuntamento a martedì sera, in ogni caso sarà una partita importante che dovremo affrontare nello stesso modo che ci ha permesso di fare così bene nei primi due impegni del campionato.

COYW!


L'immagine può contenere: 10 persone, stadio e spazio all'aperto


Match Report: Leeds United vs PNE 0-0

Leeds United line-up: Wiedwald, Ayling, Borthwick-Jackson (Dallas, 82), Cooper (c), Roofe (Saiz, 61) Wood, Alioski, O’Kane, Jansson, Hernandez, Phillips (Vieira, 61). Subs not used: Peacock-Farrell, Anita, Dallas, Shaughnessey, Ekuban.
PNE line-up: Maxwell, Fisher, Cunningham (c), Pearson, Huntington, Spurrr, Barkhuizen (Harrop, 65), Browne (Gallagher, 90), Hugill, Johnson, Robinson. Subs not used: Hudson, Vermijl, Horgan, Davies, Maguire.
Attendance: 32,880 (697 PNE Fans)
Referee: Mr S Duncan
Ottimo risultato ad Elland Road e prestazione superba considerando anche che al 60° siamo rimasti in inferiorità numerica a causa dell'espulsione per doppia ammonizione di Ben Pearson.
La difesa è stata eroica con Huntington a guidarla come un vero guerriero, abbiamo giocato alla pari con il Leeds che soltanto dopo il cartellino rosso è riuscito a creare dei pericoli sventati da un grandissimo Maxwell, e poi alla fine abbiamo addirittura "rischiato" di vincere colpendo una clamorosa traversa con Harrop al 95°.
Un punto prezioso ottenuto su un campo difficilissimo ed in dieci uomini, secondo risultato positivo conquistato contro due squadre che, presumibilmente, saranno nostre avversarie nella corsa verso la zona playoff.
Per questa delicata sfida, che seguiva alla deludente ed inaspettata sconfitta in League Cup ad Accrington, Neil ha scelto di affidarsi alla formazione che aveva battuto e giocato una grande partita contro il Wednesday con la sola eccezione di Hugill preferito a Maguire.
Quindi difesa a quattro composta da Fisher e Cunningham sulle fasce e con al centro il duo composto da Huntington, sempre più un leader per la squadra ed un "idolo" per i tifosi, e Spurr, preferito ad un centrale di ruolo come Boyle ed a Davies anche in questa occasione dopo la buona prova di sabato scorso.
A centrocampo Pearson, Johnson e Browne con gli esterni Robinson e Barkhuizen a sostegno della punta Hugill, reduce dalla doppietta di Accrington.
Ancora panchina quindi per Gallagher, così come per Maguire nonostante la buona prestazione contro le Owls che gli era valsa la nomina nella Top11 della 1° giornata di Football League; in panchina si è però visto anche Josh Harrop, convocato per la prima volta da Neil.
La squadra, scesa in campo con l'inedita terza divisa di colore completamente verde, si è subito dimostrata grintosa e decisa a dare del filo da torcere ai padroni di casa ed il primo tempo è stato assolutamente equilibrato e senza occasioni pericolose create dalle due squadre che hanno tentato di impensierire, senza riuscirci, i due portiere soltanto con una conclusione dalla distanza a testa, entrambe terminate fuori dallo specchio della porta.
E' stato prima il PNE con Barkhuizen a cercare la via del gol al 26° con un tiro da fuori area dopo che aveva rubato palla ad Alioski a metà campo prima di portarsi poi verso la porta avversaria.
Poco dopo Hugill è stato bravo a pressare ed rubare palla a Jansson ed a liberarsi in posizione defilata prima di mettere la palla al centro dove l'accorrente Browne si è avventato sulla palla venendo però contrastato da Cooper che non gli ha permesso di calciare a rete.
La conclusione dalla distanza del Leeds è invece arrivata dopo una bella azione personale di Alioski che ha poi calciato alto sopra la traversa senza creare pericoli a Maxwell.
Il primo tempo è terminato sullo 0-0, da segnalare l'ammonizione rimediata da Ben Pearson per un tackle scomposto ai danni di un avversario, che si sarebbe poi rivelata molto "pesante" per il centrocampista.
Ad inizio ripresa è stata ancora la caparbietà di Hugill che ha permesso all'attaccante di conquistare nuovamente palla contrastando gli avversari e di portarsi verso la porta avversaria sul lato sinistro dell'area del Leeds servendo anche in questa occasione Browne che da posizione favorevole è riuscito stavolta a calciare senza essere fermato, ma senza dare abbastanza forza al tiro permettendo così a Wiedwald di bloccare la sua conclusione senza problemi.
Al 53° il PNE si è fatto ancora avanti ed una punizione calciata dalla sinistra da Johnson ha trovato al centro dell'area avversaria Spurr che ha tentato di concludere a rete trovando però la contrapposizione di Borthwick-Jackson che ha deviato il suo tiro in calcio d'angolo.
Soltanto 4 minuti più tardi un'altra punizione di Johnson dalla sinistra ha creato il panico nell'area del Leeds dove Cunningham è spuntato sul secondo palo trovando l'impatto con la palla e calciandola in rete, il suo gol è però stato annullato per una posizione di fuorigioco.
Al 60°, però, la buona verve del North End ha subito una brusca frenata quando la squadra è stata costretta a giocare l'ultima mezz'ora di gioco in inferiorità numerica a causa dell'espulsione di Pearson avvenuta per una seconda ammonizione con la quale l'arbitro lo ha punito, troppo severamente, per il suo secondo intervento forse un pò scomposto, ma non così cattivo da meritare il secondo giallo.
L'immagine può contenere: 4 persone, persone che praticano sport e spazio all'aperto

Neil al 65° ha effettuato la prima sostituzione mandando in campo Harrop, che ha così potuto fare il suo esordio ufficiale con il PNE, al posto di Barkhuizen.
Con un uomo in più il Leeds ha preso coraggio ed ha iniziato a spingere maggiormente verso la porta di Maxwell mettendo sotto pressione la difesa che ha comunque retto benissimo con la leadership di Huntington.

In ogni caso il primo vero pericolo creato dai padroni di casa è arrivato soltanto al 73° quando Hernandez è riuscito a portarsi al limite dell'area e, dopo essersi liberato dell'opposizione dei nostri difensori, ha servito in profondità Wood che si è trovato di fronte a Maxwell che in uscita è stato superbo a respingere il suo tiro, poi quando la palla stava per arrivare verso l'accorrente Alioski è stato bravo Cunningham a rinviarla lontana.
Ma il portiere gallese si è superato all'83° con un fantastico doppio intervento con il quale ha negato il gol prima a Wood e poi a Dallas, due parate decisive per mantenere il punteggio sullo 0-0, due respinte al volo che hanno impedito alle conclusioni di entrare in rete nonostante fossero dirette verso gli angoli alti della porta.
All'87° il North End ha reagito con un'offensiva di Harrop che dalla sinistra, dopo aver conquistato palla a centrocampo, ha lanciato Johnson sulla fascia che è avanzato ed ha poi messo un tiro cross basso che ha attraversato tutta l'area di rigore del Leeds senza che nessun compagno riuscisse a deviare la traiettoria in rete e la palla è così uscita di poco sfiorando il secondo palo.
Al 90° Gallagher ha sostituito Browne, le emozioni sono continuate e sempre per merito del North End ed in particolare di Harrop il quale si è nuovamente involato sulla fascia sinistra e, incontrastato, è riuscito a portarsi al limite dell'area avversaria ed a calciare verso la porta colpendo però clamorosamente la traversa.
Davvero un'occasione clamorosa che ci avrebbe permesso di conquistare 3 punti d'oro in una situazione difficile, vista l'inferiorità numerica, ma il punto ottenuto è stato comunque importantissimo per la classifica, per il morale della squadra e per la fiducia in noi stessi che può aumentare ancora di più.
E' stata una prova di carattere, di forza e di orgoglio incredibile, sarebbe stato difficile conquistare un risultato positivo ad Elland Road in ogni caso, lo è stato ancora di più facendolo in 10 uomini, i ragazzi sono stati davvero superlativi.
Avremo poco tempo per riposare, già martedì prossimo dovremo affrontare un altro impegno complicato a Derby contro una squadra che ha già bisogno di punti dopo la sconfitta interna rimediata contro i Wolves, ma i nostri ragazzi ed il nostro manager meritano la nostra fiducia dopo le due ottime prestazioni contro Wednesday e Leeds, riteniamo quello di Accrington un "incidente di percorso" dovuto al cambio di formazione voluto dal manager, ma al quale non possiamo dare nessuna colpa per una scelta che tutti avremmo approvato.
COYW!

venerdì 11 agosto 2017

Approvata la domanda di proprietà ad Ingol

Dopo vari tentativi, richieste e petizioni finalmente il Preston Council ha approvato la domanda di pianificazione per la proprietà privata ad Ingol dove il Preston North End è intenzionato a costruire i propri nuovi impianti di allenamento.

Questo il comunicato rilasciato ieri dal Preston North End che cita, per il grande lavoro svolto John Kelly, nostro personale amico che approfittiamo per ringraziare anche a nome dei GBS:

"Preston North End are delighted that the Planning Committee of Preston City Council today passed our planning application for the privately owned land at Ingol.

This planning application gives a balanced long term solution to the land at Ingol and will include a substantial area of new public open space as well as the site for our planned new state of the art training facilities.
In being grateful to the members of the planning committee for their decision we would also especially like to thank the thousands of our supporters who have backed us in this project, our local paper, the Lancashire Post and in particular John Kelly who played a crucial role in organising the petition of support that was presented to the City Council.
We will now start the hard work of turning the planning consent into reality."


Match Preview: Leeds United vs PNE

E' stata una settimana abbastanza turbolente, infatti dopo la vittoria contro il Wednesday di sabato scorso all'esordio in campionato, è arrivata prima la sconfitta che è costata l'eliminazione dalla League Cup ad Accrington contro lo Stanley, squadra militante in League Two, e poi ieri sono arrivate la notizia dell'addio dell'amatissimo Alan Kelly e della cessione di Stevie May, un attaccante che forse avrebbe meritato di avere la possibilità di dimostrare il proprio valore.
Con la partenza di un attaccante diventa ancora più necessario intervenire sul mercato per rinforzare proprio il reparto offensivo nella speranza che le voci, sempre più insistenti, di offerte nei confronti di Hugill e Robinson si rivelino inesatte o che comunque, nel caso fossero reali, vengano respinte con decisione dal Club.
Ma per riportare il buon umore arriva al momento giusto una sfida sempre molto accattivante, quella che ci vedrà impegnati ad Elland Road contro il temibile Leeds United guidato dal nuovo manager Thomas Christiansen che ha sostituito Garry Monk.
Nella prima partita di campionato il Leeds ha vinto a Bolton con il risultato di 2-3 ed anche in League Cup è arrivata una vittoria per 4-1 contro il Port Vale con tripletta del nuovo acquisto Samu Saiz, un buon inizio quindi, la squadra sembra essere già in buona forma, mentre il North End dovrà riprendersi e riscattarsi dopo la deludente ed inaspettata sconfitta di Accrington dove, però, come sappiamo, Neil aveva scelto di schierare una formazione largamente rimaneggiata rispetto a quella che aveva sconfitto le Owls.
Nel corso del mercato estivo il Leeds è stato abbastanza attivo ed oltre al già citato Saiz sono arrivati giocatori come Anita, Shaughnessy, Klich, Aliosky e Pennington in prestito dall'Everton.
Neil avrà a disposizione tutti i suoi giocatori, a parte Tom Clarke il cui recupero è purtroppo ancora molto lontano, vedremo se riterrà pronto all'esordio Josh Harrop non convocato nelle prime due partite ufficiali perchè non ritenuto ancora in forma per poter scendere in campo.
Alcuni giocatori provati da Neil ad Accrington hanno fallito l'opportunità concessagli dal manager ed è quindi molto probabile che a scendere in campo saranno principalmente gli undici schierati contro le Owls con l'eccezione, lo speriamo, di Hugill, protagonista con una doppietta nella sfida di Coppa.
Nella partita di martedì sera al Wham Stadium è sembrato molto attivo sulla fascia Daryl Horgan che potrebbe quindi essere in competizione per un posto da titolare, mentre in difesa potrebbe tornare Spurr che aveva fatto molto bene sabato scorso.

Come ogni anno la sfida di Elland Road rievoca la fantastica vittoria per 4-6 di qualche stagione fa, ma non dobbiamo vivere di ricordi, sappiamo bene che sarà una sfida complicatissima, il Leeds è reduce da un'ottima scorsa stagione e come detto ha vinto le prime due partite in campionato e League Cup segnando anche parecchi gol, la nostra difesa dovrà dimostrarsi più attenta rispetto a quanto fatto ad Accrington.
Allo stesso tempo, però, sappiamo quali sono le nostre potenzialità, la scorsa stagione ci ha dimostrato che la nostra squadra non deve temere nessuno e che può giocarsi alla pari le proprie possibilità di lottare per un posto playoff, sarà un'altra stagione estenuante e difficilissima, ma noi ci saremo, la vittoria contro lo Sheffield Wed. ci fa capire che possiamo andare ad Elland Road per tentare di ottenere il massimo, ma la sconfitta di Accrington ci fa anche capire che non può essere una sola vittoria ad esaltarci e che dobbiamo quindi mantenerci sempre umili e con i piedi ben saldi per terra.

Appuntamento a domani pomeriggio, sarà una sfida fantastica e che cercheremo di fare nostra ad ogni costo, iniziare il campionato con due vittorie contro due rivali nella corsa playoff sarebbe una bella iniezione di fiducia per tutta la squadra e darebbe il giusto slancio per affrontare le prossime partite.

COYW!!





giovedì 10 agosto 2017

May ceduto all'Aberdeen

Il Preston North End ha comunicato di aver accettato le offerte dell'Aberdeen e di aver quindi ceduto a titolo definitivo l'attaccante Stevie May al Club scozzese.
Il 24enne scozzese, arrivato al PNE nell'estate del 2015, ha firmato un contratto di 4 anni con i Dons dove avrà probabilmente maggiori possibilità di giocare.
May si infortunò gravemente soltanto 2 mesi dopo dal suo arrivo a Deepdale, l'infortunio ha fortemente condizionato la sua avventura con i Lilywhites con i quali ha collezionato solo 13 presenze realizzando un solo gol contro il Rotherham.
Sembrava che l'arrivo dello scozzese Neil in panchina potesse riaprire le porte a May che aveva già giocato per il manager ai tempi dell'Hamilton, ma a quanto pare non è stato così e la sua cessione dimostra che probabilmente nel corso della pre-season l'attaccante non è riuscito a convincere l'allenatore a dargli un'opportunità.
La nostra sensazione è che May abbia avuto davvero tanta sfortuna e che avrebbe almeno meritato una possibilità di esprimere il proprio potenziale ampiamente dimostrato nel periodo passato, sempre in Scozia, al St. Johnstone.

Siamo molto dispiaciuti della scelta del Club, avremmo volentieri voluto vedere May in campo e gli avremmo concesso l'opportunità di mettersi alla prova, ma rispettiamo la scelta di Neil che certamente ha valutato con estrema attenzione questa decisione prima di prenderla.
Siamo anche sicuri, però, che May potrà ritrovarsi nel campionato scozzese e che potrà dare il meglio di sè nelle file di un Club importante ed ambizioso come l'Aberdeen.
Auguriamo a May di poter ritrovare la forma e di tornare ad essere un giocatore importante e lo ringraziamo per quanto fatto, nonostante le poche possibilità, con la maglia del PNE.

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

Alan Kelly lascia il PNE

E' con vero rammarico che apprendiamo da un comunicato ufficiale del Club che Alan Kelly, allenatore dei nostri portieri, ha oggi lasciato il Preston North End.
Nel comunicato non vengono specificate le motivazioni, dopo l'addio di Grayson si temeva già nella partenza di Kelly che invece aveva assicurato la sua permanenza nello staff di Neil.
Ci sorprende quindi molto questa decisione, dal comunicato sembra essere stata una scelta esclusivamente di Kelly, ma abbiamo il sospetto che possa essere stato Neil a richiedere che nel suo staff ci siano persone di sua fiducia e con le quali avesse già lavorato in passato.
E' per questo motivo che ci sono già voci del suo possibile sostituto che potrebbe essere Dean Kiely, proveniente dal Norwich, squadra che Neil ha allenato nella scorsa stagione.
Siamo davvero dispiaciuti per l'addio di Alan Kelly jr, un vero gentleman, un serio professionista ed un vero Northender, figlio del leggendario Alan Kelly snr, che iniziò la sua carriera da portiere proprio nel PNE, squadra nella quale militò dal 1985 al 1992 per poi tornare con il ruolo di allenatore dei portieri nel 2012.

A Kelly va un grandissimo ringraziamento per il lavoro svolto al PNE sempre egregiamente e con grande serietà e professionalità, ma anche tutto il nostro affetto anche per i momenti passati insieme e per la gentilezza ed ospitalità dimostrata nei nostri confronti.



martedì 8 agosto 2017

League Cup Match Report: Accrington Stanley vs PNE 3-2

Accrington Stanley line-up: Jorgensen, Forbes, Hughes, Richards-Everton, Nolan, Clark, Brown (Conneely, 81), Edwards (Kee, 46), Jackson, McConville, Dallinson. Subs not used: Chapman, McLeod, Sykes, Sousa, Ogle.
PNE line-up: Maxwell, Vermijl, O’Connor, Grimshaw (Maguire, 65), Boyle, Davies, Horgan, Gallagher, Hugill, Robinson (Browne, 80), Mavididi (Johnson, 53). Subs not used: Hudson, Woods, Huntington, Earl.
Attendance: 2,879 (1,736 PNE fans)

Referee: Mr E Ilderton
Deludente ed inaspettata sconfitta ad Accrington per il PNE che viene così subito eliminato dalla "Carabao Cup", la Coppa di Lega.
Una prestazione, soprattutto nel primo tempo, non all'altezza di quanto mostrato in campionato lo scorso sabato nella bella vittoria conquistata contro lo Sheffield Wednesday, forse anche a causa delle scelte di formazione di Neil che ha operato ben 9 cambi rispetto a quella partita.
Ma non pensiamo che sarebbe giusto dare delle colpe al manager per questa scelta che tutti ci aspettavamo e ritenevamo corretta alla vigilia del match, era abbastanza scontato che, visto il valore sulla carta inferiore dell'avversario di questa sera, i titolari di sabato riposassero lasciando spazio ai loro compagni più freschi.
Quello che maggiormente lascia sconcertati è il fatto di essere riusciti per 2 volte a pareggiare il match, ma che in entrambe le occasioni abbiamo poi subito i nuovi vantaggi dei padroni di casa dopo pochi minuti, come successo nel recupero quando Hugill, al 91°, aveva segnato il gol del 2-2 e lo Stanley ha poi segnato il gol decisivo al 93°.
Neil nell'undici titolare ha confermato rispetto a sabato soltanto Maxwell e Robinson, schierando una difesa composta da Vermjil e O'Connor sulle fasce e la coppia Boyle-Davies al centro, a centrocampo sono stati mandati in campo Gallagher, Grimshaw ed Horgan con Robinson e Mavididi, all'esordio con il North End, a sostegno della punta, Hugill.

Il primo tempo dei Lilywhites è stato veramente deludente ed al 20° minuto di gioco i padroni di casa sono passati in vantaggio con una conclusione di Ben Richards-Everton che ha superato Maxwell con un destro preciso.
Dopo un paio di iniziative di Robinson la migliore occasione da gol per il PNE è arrivata al 42° quando il portiere dello Stanley, Jorgensen, si è superato neutralizzando una pericolosa conclusione di Horgan.
Nella ripresa, al 53°, Neil ha operato la prima sostituzione mandando in campo Johnson al posto del giovane Mavididi, che evidentemente alla sua prima non è riuscito ad incidere come si sarebbe sperato, il North End ha mostrato un maggiore spirito di iniziativa, ma senza riuscire a rendersi pericoloso nella ricerca del pareggio.
Al 65° Neil ha tentato di rendere la squadra ancora più offensiva sostituendo un centrocampista come Grimshaw con un attaccante, l'ex Sean Maguire, i ragazzi hanno continuato a cercare il gol con maggiore insistenza e 5 minuti più tardi i loro sforzi sono stati premiati.
Al 70°, infatti, una buona serie di passaggi ha permesso ad Horgan, che aveva iniziato l'azione scambiandosi la palla con Maguire, di servire con un assist perfetto Hugill che con la sua solita potenza è riuscito a controllare la palla ed a concludere a rete trovando così il gol del 1-1.
A questo punto squadra e tifosi, accorsi in 1.736 da Preston, hanno cominciato a credere nella possibilità di ribaltare il risultato e vincere la partita, al 79° Browne è entrato in campo al posto di Robinson ed i ragazzi hanno provato a farsi più insidiosi.
L'Accrington ha però dimostrato grandi motivazioni e grande determinazione, all'84° Maxwell ha sventato un pericolo creato da Nolan, ma all'86° non ha potuto nulla per impedire ai padroni di casa di portarsi nuovamente in vantaggio grazie al gol di Clark, servito da Jackson.
Quando ormai sembrava impossibile sperare ancora in un risultato positivo il North End non si è arreso ed ha sfruttato i 3 minuti di recupero concessi dall'arbitro riuscendo a pareggiare di nuovo il match al 91° quando un cross di Maguire ha trovato ancora una volta Hugill pronto a colpire la palla di testa mandandola alle spalle del portiere avversario e trovando così il gol del 2-2.



L'immagine può contenere: 1 persona, sMS e spazio all'aperto


Il pareggio sembrava ormai il risultato definitivo che avrebbe portato le due squadre a giocarsi la qualificazione ai tempi supplementari, ma incredibilmente 2 minuti più tardi la difesa dei Whites si è fatta sorprendere da Billy Kee che tra la sorpresa generale, e la gioia del pubblico di casa, ha segnato il gol vittoria.

Una sconfitta clamorosa per il North End che significa eliminazione dalla Coppa, un risultato deludente e sorprendente che deve farci capire che la squadra deve ancora lavorare molto per raggiungere i livelli delle squadre migliori della Championship, la bella vittoria contro le Owls non deve illuderci facendoci pensare che tutto sia già perfetto, questa sconfitta deve invece farci tenere i piedi per terra rendendoci consapevoli delle difficoltà che questa stagione ci riserverà di certo.

Le prossime partite ci vedranno impegnati in due trasferte molto insidiose a Leeds ed a Derby, saranno esami molto importanti e difficili per farci capire quale sia il nostro livello attuale ed il nostro stato di forma, oltre a constatare a che punto sia il lavoro di Neil.

Una sconfitta molto deludente, ma che non deve farci perdere d'animo, siamo solo all'inizio di una stagione lunghissima ed abbiamo tutto il tempo per dimostrare il nostro vero valore.

COYW! 

lunedì 7 agosto 2017

League Cup Match Preview: Accrington Stanley vs PNE

Dopo la convincente vittoria di sabato contro lo Sheffield Wednesday martedì sera il PNE torna in campo per la sfida di Carabao Cup in casa dell'Accrington Stanley, una sfida contro un avversario abbordabile, ma sappiamo bene quanto le Coppe inglesi possano essere imprevedibili e quindi sarà assolutamente vietato sottovalutare questo impegno.
Presumiamo che Neil possa schierare una formazione diversa da quella che sabato ha sconfitto le Owls per permettere ai titolari di poter riposare.
Non ci sarà comunque Josh Harrop, infatti Neil ha dichiarato che il giovane ex Manchester United non è ancora pronto per il suo esordio ufficiale con il Preston North End, chissà se invece potremo vedere all'opera Sthepy Mavididi, da pochi giorni arrivato in prestito dall'Arsenal.
Proprio nello Stanley il nostro attaccante Sean Maguire aveva giocato la sua prima ed unica, prima della attuale, stagione in Inghilterra, vedremo se dopo la buona prova di sabato, grazie alla quale si è guadagnato un posto nella Top11 della Football League per la 1° giornata, Neil deciderà di schierarlo oppure se all'irlandese verrà concesso un pò di riposo.
Potrebbe quindi esserci spazio per giocatori come Rudd, Vermjil, Boyle, Horgan, Davies, May, Pringle, Welsh, Grimshaw, O'Connor, Doyle.. ma tutto dipenderà ovviamente dalle scelte di Neil che potrebbe invece anche preferire dare continuità alla formazione che tanto bene ha fatto sabato scorso.

Appuntamento quindi a martedì sera, qualsiasi formazione schiereremo avremo l'obbligo di vincere e conquistare l'accesso al turno successivo, siamo certi che la squadra porterà a termine questo compito, siamo fiduciosi nel mister e nelle sue scelte.




domenica 6 agosto 2017

Match Report: PNE vs Sheffield Wednesday 1-0

PNE line-up: Maxwell, Fisher, Cunningham (c), Pearson, Huntington, Spurr, Barkhuizen, Browne (Hugill, 67), Maguire (Gallagher, 74), Johnson, Robinson. Subs not used: Rudd, Vermijl, Horgan, Davies, May.
Sheffield Wednesday line-up: Westwood, Hunt, Rhodes (Hooper, 57), Bannan, Loovens (c), Lees, Reach, Boyd (Wallace, 67), Hutchinson (Jones, 69), Pudil, Forestieri. Subs not used: Wildsmith, Fox, Fletcher, Nuhiu.
Attendance: 18,267 (5,489 Sheffield Wednesday fans)
Referee: Mr T Harrington

Si apre con una bella vittoria ed una buona prestazione la stagione 2017/18 per il North End che ha sconfitto per 1-0 lo Sheffield Wednesday grazie ad un calcio di rigore conquistato nel secondo tempo da Hugill e poi trasformato da Daniel Johnson.
E' stata una vittoria assolutamente meritata soprattutto per quanto la squadra ha saputo fare nel secondo tempo durante il quale i ragazzi hanno costruito diverse buone azioni andando vicini al gol in almeno 3 nitide occasioni con Robinson e Spurr e mantenendo sempre con grande costanza il possesso palla senza mai subire le iniziative degli avversari.
La squadra ci ha sorpresi positivamente, avevamo qualche dubbio visto che dal mercato ci saremmo aspettati delle mosse diverse e considerando il valore dell'avversario, ma siamo davvero rimasti ben impressionati dalla voglia messa in campo dai ragazzi e dall'insistenza con la quale hanno cercato il gol e la vittoria in particolar modo nella ripresa.
E' certamente positivo iniziare bene, ma in ogni caso questa vittoria non deve illuderci e farci pensare che la squadra sia già al 100% e che non necessiti di nuovi rinforzi, a parer nostro questo risultato ci da la consapevolezza di avere una squadra che già si conosce bene e che ha iniziato bene, così come aveva fatto nella scorsa stagione, nonostante il cambio di manager, ma il campionato sarà lunghissimo e pieno di imprevisti e qualche innesto nei ruoli in cui necessitiamo è secondo noi ancora necessario, ieri nel ruolo di difensore centrale al fianco di Huntington si è dovuto adattare, facendolo tra l'altro molto bene, Spurr, in attacco ci sono da capire le intenzioni del Club, infatti Hugill e Robinson, molto positivi ieri, sono richiesti sul mercato, a nostro parere non possiamo privarci di loro, ma se anche solo uno dei due dovesse partire dovremmo immediatamente trovare un degno sostituto..

A Deepdale ieri c'era una bellissima atmosfera, gli spettatori erano più di 18.000 (di cui 6.000 arrivati da Sheffield) e c'era una grande attesa per vedere all'opera il nuovo PNE di Alex Neil, le aspettative non sono state assolutamente deluse, speriamo che la squadra prosegua così, ma che anche il pubblico accorra ogni sabato in gran numero e sempre con lo stesso entusiasmo.

C'era curiosità per conoscere la formazione che Neil, al suo esordio ufficiale alla guida del Preston North End, avrebbe scelto e per capire se Hugill, che molti temono venga ceduto soprattutto dopo l'ingaggio in prestito di Mavididi, sarebbe stato convocato oppure no.
Ebbene Hugill, così come Gallagher, che erano dati per infortunati ed avevano saltato le ultime due amichevoli estive, hanno recuperato in tempo per questa partita, ma Neil li ha convocati solo per la panchina confermando in qualche modo i timori di noi tifosi che avremmo voluto vedere almeno l'attaccante subito titolare.

In porta Maxwell è stato confermato titolare e preferito a Rudd, nonostante l'ex Norwich avesse recuperato dall'infortunio rimediato nella prima amichevole di questa pre-season, in difesa Fisher e Capitan Cunningham hanno giocato sulle fasce mentre per affiancare Huntington al centro Neil ha scelto a sorpresa Spurr, un terzino sinistro, preferito a Davies, che aveva giocato bene in quel ruolo nelle amichevoli, ed a Boyle, difensore centrale di ruolo. 
A centrocampo Johnson, Browne e Pearson in mezzo con Robinson e Barkhuizen schierati come ali a supporto dell'unica punta Maguire, preferito ad Harrop, May e, soprattutto, ad Hugill.

Le squadre sono entrate in campo tra l'entusiasmo di Deepdale, i tifosi non vedevano l'ora che il football tornasse e finalmente hanno potuto ricominciare a vivere i loro sabati come preferiscono seguendo la propria squadra in casa o fuori, e Neil è stato accolto con grande calore... a quanto pare Grayson è già stato dimenticato soprattutto per la sua scelta di lasciare improvvisamente i Whites preferendo accettare le offerte del Sunderland.

Il primo tempo non è stato entusiasmante, ma comunque il PNE ha costantemente mantenuto il possesso palla pur senza creare molte occasioni da gol e senza sfruttare in pieno il gioco sulle fasce dove, evidentemente, dopo aver perso McGeady, non abbiamo una vera ala capace di saltare l'uomo e crossare al centro dell'area lanci precisi e pericolosi per gli attaccanti.

Il primo pericolo creato verso la porta degli ospiti è arrivata dopo circa mezz'ora di gioco quando Johnson ha conquistato una punizione che Robinson ha calciato dal limite dell'area avversaria riuscendo a superare la barriera, ma senza trovare lo specchio della porta mandando la palla di poco alta sopra la traversa.
Proprio Robinson è sembrato tra i giocatori più intraprendenti e con tanta voglia di far bene, speriamo davvero che il Club non ceda all'insistenza delle offerte del Derby County, è un giocatore troppo importante per noi, ed è stato lui al 40° a costruire con una bella azione personale un assist perfetto per Maguire che è scattato in profondità all'interno dell'area avversaria e da posizione un pò defilata sulla destra, dopo aver evitato Lees, ha calciato da distanza ravvicinata trovando però Westwood pronto a respingere la sua conclusione deviando la palla in corner.
La prima frazione di gioco si è così conclusa a reti inviolate, come detto i Lilywhites non si sono resi molto pericolosi, ma hanno dominato il possesso palla lasciando pochissimi spazi alle Owls che non sono davvero mai riusciti a costruire azioni importanti.

Fin dai primi minuti della ripresa si è capito che il North End è tornato in campo con un piglio diverso e con più determinazione nel cercare il gol attraverso la costruzione di manovre offensive molto più convinte e decise rispetto al primo tempo.
I primi tentativi di impensierire la difesa del Wednesday sono arrivati dal solito Robinson che prima ha calciato dalla distanza mandando però la palla a lato e che poi ha colpito di testa senza troppa convinzione da posizione favorevole dando così a Westwood la possibilità di parare senza problemi.
Il Wednesday ha reagito costruendo la sua prima, ed unica, occasione da gol quando l'ex Northender Ross Wallace, da poco entrato in campo al posto del nuovo acclamato, ma oggi inconsistente, acquisto Boyd, è scattato sulla fascia destra riuscendo poi ad accentrarsi evitando l'opposizione dei difensori e calciando con il sinistro da buona posizione verso Maxwell, ma la sua conclusione è terminata di poco alta sopra la traversa.
Al 67° Neil ha operato la prima sostituzione mandando in campo un attaccante, Hugill, al posto di un centrocampista, Browne, ma il duo offensivo è durato pochi minuti visto che al 74° Maguire è stato sostituito da Gallagher.
In ogni caso le due sostituzioni hanno dato ancora più vivacità alle manovre offensive della squadra, entrambi i giocatori hanno avuto un grande impatto sulla partita; soltanto pochi minuti dopo dal suo ingresso Gallagher ha calciato, come di consueto, un corner perfetto che al centro dell'area ospite ha trovato Spurr pronto a colpire la palla di testa con potenza e precisione mandandola però a colpire in pieno una clamorosa traversa, sulla respinta Cunningham è arrivato prima dei difensori avversari calciando verso la porta difesa da Westwood, ma la sua conclusione è stata respinta.
Soltanto due minuti dopo, al 79°, Hugill ha ricevuto palla al centro dell'area avversaria, ma nel tentativo di controllarla girandosi verso la porta è stato contrastato fallosamente da un tackle di Lees che ha provocato il calcio di rigore a favore del North End.
Sul dischetto si è presentato DJ Johnson che con grande calma ha calciato con precisione e potenza spiazzando Westwood e trovando così il gol del 1-0, il primo gol della stagione del Preston NE, andando poi a festeggiare con i compagni ed i tifosi.


L'immagine può contenere: 3 persone, persone che praticano sport, stadio e spazio all'aperto


L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono

Il PNE ha saputo gestire il preziosissimo vantaggio, qualche minuto dopo Hugill ha reclamato un altro rigore, Robinson si è reso ancora pericoloso, mentre la reazione delle Owls non è arrivata, soltanto nei 5 minuti di recupero ci sono stati momenti di nervosismo con il Wednesday che cercava il pareggio cercando anche di provocare i giocatori del North End che sono stati bravi a mantenere la calma difendendo senza troppi problemi la vittoria diventata ufficiale al 95° quando l'arbitro ha fischiato la fine del match.

Una bella vittoria, tre punti meritati e già importanti per la classifica e per il morale, è sempre essenziale iniziare nel migliore dei modi per dare fiducia alla squadra che ha dimostrato di essere già in buona forma e di avere già acquisito la giusta mentalità vincente del proprio manager.
Contro una squadra come il Wednesday, che nella scorsa stagione aveva fatto benissimo e che in questa stagione ha cambiato poco dando continuità al progetto costruito con il manager Carvahal, non era facile vincere e giocare bene soprattutto senza dare spiragli agli avversari che non sono davvero mai riusciti a prendere in mano le redini del gioco lasciando sempre l'iniziativa ai Whites.

Il prossimo impegno sarà già martedì sera prossimo con il PNE che sarà ospite dell'Accrington Stanley per la sfida del primo turno di League Cup, probabilmente Neil darò riposo ad alcuni dei titolari della sfida di campionato, forse potremo vedere in campo i due giovani nuovi acquisti, Harrop e Mavididi, sarà certamente un match interessante che, ovviamente, la squadra dovrà cercare di vincere.

COYW!!

sabato 5 agosto 2017

Match Preview: PNE vs Sheffield Wednesday

Rieccoci finalmente!!! Football is back!!
Dopo amichevoli, pronostici, calciomercato, chiacchiere varie finalmente si torna a fare sul serio, torna la Championship e si apre così ufficialmente la stagione 2017/18!
L'attesa è stata lunga, l'estate qui in Italia è ancora caldissima, ma adesso il sabato torna ad essere quello di sempre, quello dedicato al calcio, quello dedicato al Preston North End che per questa gara d'esordio ospiterà a Deepdale il sempre temibile Sheffield Wednesday, protagonista di un'ultima stagione molto positiva.
Il Club di Hillsborogh si ripresenta più o meno con la stessa squadra della scorsa stagione, ma con l'importante aggiunta di George Boyd, ex Burnley, un giocatore di grande qualità che va ad aggiungersi a gente come Bannan, Rhodes, Hooper e Reach, guidata ancora dal tecnico portoghese, Carlos Carvahal.
Come ben sappiamo il Preston NE, invece, riparte con grandi novità, a partire dal cambio in panchina resosi necessario per la volontà di Simon Grayson di accettare le offerte del Sunderland; ci è dispiaciuto molto che il manager di cui ormai ci fidavamo abbia preferito abbandonarci, ma forse non è andata poi così male dato che al suo posto è arrivato un tecnico giovane ed emergente come Alex Neil che ha già dimostrato in passato di avere idee chiare, ottime capacità e grande voglia di stupire.
Il mercato del PNE è stato molto attivo, sono arrivati 6 nuovi giocatori, ma l'impressione è che servano ancora un paio di innesti per rendere la rosa completa ed ancora più competitiva.
Sono arrivati in difesa i terzini Fisher e O'Connor, in porta Rudd ed in attacco Harrop, Maguire e Mavididi, la squadra è coperta in ogni ruolo, ma ad esempio in difesa, vista la lunga assenza di Clarke per infortunio, forse sarebbe servito un difensore centrale, posizione nella quale nella preseason Neil ha schierato Ben Davies, rientrato dai vari prestiti, o Boyle.
Non potremo più disporre della classe e dell'imprevidibilità di McGeady, che dopo essere tornato all'Everton ha seguito Grayson a Sunderland, e speriamo vivamente che il Club non ceda alle offerte di Sunderland e Birmingham per Hugill e quelle del Derby County per Robinson.
I nuovi acquisti sono tutti giocatori giovani, un buon segno che si voglia dar fiducia a questi ragazzi, ma allo stesso tempo la squadra potrebbe risultare inesperta, nei casi di Harrop e Mavididi si tratta di giocatori che fino ad ora avevano giocato prevalentemente nei campionati riserve seppur in Club prestigiosi come Manchester United ed Arsenal.
Nel caso invece di Maguire e O'Connor si tratta di due giocatori esperti e che hanno fatto benissimo nel Cork City, ma appunto, in un campionato, quello irlandese, di livello molto più basso rispetto alla Championship inglese.
Abbiamo quindi costruito una squadra certamente competitiva, ma forse con qualche incertezza di troppo, speriamo davvero che Neil sappia dare a questi ragazzi la giusta mentalità e che sappia dare alla squadra un gioco offensivo e di buona qualità, siamo fiduciosi, ma attualmente non ci sembra che la rosa sia stata migliorata molto rispetto a quella della scorsa stagione.
Il mercato è comunque ancora aperto e potrebbero arrivare ancora dei rinforzi, per la partita di oggi contro le Owls i nuovi acquisti saranno disponibili a parte, probabilmente, Mavididi, arrivato soltanto ieri a Deepdale.
Nelle ultime amichevoli non sono scesi in campo per dei leggeri infortuni Gallagher, Woods e Hugill che probabilmente non potranno essere schierati nemmeno oggi, sarà invece della partita Greg Cunningham, nominato nuovo Capitano a causa dell'assenza di Tom Clarke, che ha fortunatamente recuperato prima del previsto dall'infortunio rimediato nel finale della scorsa stagione.
Presumiamo quindi che in difesa verranno schierati Davies ed Huntington centrali con Fisher e Cunningham laterali, a centrocampo Pearson, apparso già in grande forma, e Browne con Horgan, Johnson e Robinson a supportare la punta che potrebbe essere Maguire, oppure Harrop.
Per la prima volta a partire da questa stagione avremo anche la grande possibilità di vedere le partita in diretta streaming grazie al nuovo servizio iFollow e già da oggi ne potremo usufruire cercando cosi, in qualche modo, di sentirci ancora più vicini alla squadra anche se in realtà lo vorremmo fare dal vivo, come potranno fare, in questa occasione, i "GBS", Andrea e Marco, presenti a Deepdale per il match contro il Wednesday.

Buona partita a tutti quanti, non ci resta che aspettare il kick off previsto come a solito alle ore 16 italiane.
Football is back!
COYW!!! 


L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, in piedi e sMS